Hospitality Forum: l’alberghiero italiano vola verso una fase di rinascimento

di Alberto Caspani
09/07/2021
17:22
 

"L'ospitalità non riparte, parte". Per Maglio Breglia, presidente dell'istituto indipendente di studi e ricerche "Scenari Immobiliari", il 2021 segna una cesura storica per il settore alberghiero ed extra-alberghiero italiano, perché l'auspicata triplicazione degli investimenti nel trienno a venire (pari a 3 miliardi di euro) traghetterà il sistema Paese verso un'epoca di lancio di nuovi territori di sviluppo.

Pubblicità

Parliamo di strutture urbane principalmente cinque stelle, ma anche luxury resort in aree marine e di montagna, ancorate a catene internazionali che garantiranno aperture a ulteriori mercati. Questi i principali trend emersi nel terzo "Hospitality Forum" di Milano, organizzato da Scenari Immobiliari e Castello SGR: occhi puntati in particolare sul Mezzogiorno, con Lecce e Palermo quali futuri hotspot dell'offerta domestica oltre alle tradizionali città d'arte, con l'obiettivo di consolidare l'Italia al secondo posto nelle scelte internazionali per gli alberghi d'alta gamma (dopo la Francia) e capitalizzare l'eccezionale varietà dei territori di provincia per una stagionalità più lunga.

Le cifre della crisi
Alle spalle, le macerie di una crisi pesantissima: se l'industria turistica mondiale ha perso 1300 miliardi nel 2020, il calo di settore in Italia è stato del 70%, con appena 1,5 miliardi di transizioni nell'immobiliare alberghiero e una flessione dell'80% nel mercato della breve locazione (ma in cauta ripresa nel 2021, con 300mila contratti).


TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook