Torre di Controllo

Lino Vuotto, giornalista di TTG Italia

Dove si curano le ferite del passato

03/05/2013
09:21
Leggi anche: Ungheria, Russia

Un ex aeroporto militare riconvertito, un centro termale e un calcio al passato, anche se questo si chiama Guerra fredda o guerra vera e propria.

Benvenuti al Sarmellek International Airport, oggi anche Heviz-Balaton Airport, porta aerea d'accesso alla località turistica del Lago Balaton, in Ungheria. Qui c'è un astro ascente del turismo termale, e non solo, del Paese, capace di fare segnare lo scorso anno oltre un milione di pernottamenti, seconda solo a Budapest.

Una buona parte del merito di questa scommessa vinta spetta all'aeroporto Sarmellek, scalo dalla storia a dir poco travagliata. Nato negli anni Quaranta con un ruolo militare passa sotto l'egida sovietica negli anni Sessanta e per un periodo di trent'anni. Poi i noti fatti dall'abbattimento del Muro di Berlino in poi e nel 2002 diventa il secondo aeroporto internazionale del Paese. Poi arrivano le prime crisi finanziarie e una serie di chiusure e riaperture a partire dal 2009.

Nel 2012 una società prova a investire nello scalo, dandogli un orientamento charter proprio orientato sul turismo termale, sempre più richiesto in Europa. Un flusso anche legato al turismo medicale e guidato, negli ultimi due anni, proprio dai russi. Voli tutte le settimane e orde di viaggiatori dal portafogli pieno in arrivo da San Pietroburgo e Mosca.

In Paese e nell'area del Lago Balaton il passato è stato messo nel cassetto. Nel Paese è arrivato il benessere e il business grazie (anche) all'antico nemico. Pecunia non olet.

Twitter @linovuotto

Leggi anche: Ungheria, Russia

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori