Torre di Controllo

Lino Vuotto, giornalista di TTG Italia

Là dove c’era un aereo ora c’è una nave

27/06/2013
09:00
Leggi anche: Hong Kong

Il nome da solo era in grado di incutere timore: Kai Tak. Era là, dove c’è il Victoria Harbour, dove c’è il centro della città, dove c’è gente, dove sono cresciuti i grattacieli, dove i turisti hanno iniziato a farne una meta ambita.

A Hong Kong non era inconsueto vedere la gente occhi al cielo quando passavano gli aerei diretti a Kai Tak. Alzavi le mani e pareva di toccarli. Un pò come gli aerei sopra le teste dei bagnanti a Saint Martin, solo che in mezzo ai grattacieli fa tutto un altro effetto.

Per ogni turista con la bocca aperta e gli occhi all’insu c’era un pilota e copilota con bocca e denti stretti e occhi fissi davanti. Ogni flusso di vento più forte del solito rischiava di spostare l’aereo in atterraggio e le già faticose evoluzioni a pochi metri dalle guglie potevano trasformarsi in tragedia.

La follia umana l’ha tenuto in vita fino al 1998, facendo zigzagare anche i già imponenti 747. Poi qualcuno deve essersi messo la mano sulla coscienza, ha aperto l’odierno pluripremiato scalo sull’isola di Lantau e da quelle parti si è preso una decisione: da ora in avanti navigheremo in acque tranquille.

Detto fatto. È stato inaugurato il nuovo terminal crociere, Mariner of the Seas la prima nave ad attraccare. Kai Tak non fa più paura, ha cambiato pelle. Naviga in acque tranquille.

Leggi anche: Hong Kong

TI INTERESSA QUESTA NOTIZIA? ISCRIVITI A TTG REPORT, LA NEWSLETTER QUOTIDIANA

Commenti di Facebook


I blog di TTG Italia non rappresentano una testata giornalistica poiché sono aggiornati senza alcuna periodicità. Non possono pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Le opinioni ivi espresse sono sotto la responsabilità dei rispettivi autori